NOME-SITO-WEB

Come scegliere il nome per il tuo sito web

Annosa questione quella della scelta del nome del dominio, se sei fortunato ci impieghi una mezza giornata ma normalmente ci si impiega diversi giorni.
La scelta è importante, quel nome diventa l’identificativo della tua idea per milioni di possibili utenti, per cui direi che non va affatto sottovalutata.

Alcune cose da tener presente

Non possono essere registrati domini contenenti simboli speciali: \ ‘ ì è + ù à ò ., < | ! ” £ $ % & / ( ) = ? ^ é * ç ° § ; : _ > ] [ @ .

Oltre al nome va definita l’estensione del dominio che può identificare un’area geografica (.eu .it .de .en .us) o la tipologia (.com e .biz = Entità commerciali, .org = Organizzazioni senza scopo di lucro, .me = siti o blog personali).

Ovviamente questo dovrebbe essere la norma ma non ci sono obblighi particolari da rispettare: in sostanza potrai scegliere l’estensione che più preferisci, a patto che risulti ancora disponibile.

La registrazione dei domini italiani, passa per l’autorità preposta (www.nic.it), ed era più laboriosa delle altre estensioni (andava mandato un fax al suddetto ente con la richiesta di attivazione del dominio), oggi non è più così, è semplice e immediata quanto gli altri.

Quanto costa registrare un dominio

Nonostante alcuni hosting gratuiti offrano servizi di altissimo livello il mio consiglio personale resta quello di effettuare una minima spesa ed usuffruire di un dominio di primo livello.
Esistono servizi di hosting con costi annuali irrisori (10-20 euro), pensaci bene, se esci a cena fuori spendi di più!

Per acquistare il dominio ci si affida ad un servizio di hosting (dall’inglese to host = ospitare) che permette di ospitare su un server le pagine di un sito web, rendendole accessibili su internet.

In fase di acquisto va scelta anche il tipo di piattaforma dell’hosting, che può essere Windows, Linux od entrambi.
Se decidi di sviluppare il tuo sito in Asp.NET allora è consigliabile un sistema Windows, se invece pensi di usare Php o un cms come WordPress, allora la scelta cade su Linux.

Scarica l’ebook per approfondire questi argomenti e imparare da subito a costruire il tuo sito web!

Qualche consiglio spassionato

Per un’azienda l’acquisto di un dominio di primo livello (www.miosito.it) è d’obbligo, non discutiamone neanche.
Per un sito web personale può risultare valida anche la possibilità di affidarsi a servizi di hosting gratuiti con domini di secondo livello (www.sitopadre.miosito.it).

Per quanto mi riguarda ti consiglio di scegliere un nome semplice, non troppo lungo, facile da ricordare e, se possibile, SEO friendly (cioè che possa essere riconosciuto facilmente dai motori di ricerca).
Infatti inserire delle parole chiavi nel nome del dominio, al fine di migliorare la ricerca tramite i motori, è una scelta che paga in termini di posizionamento.

Facciamo un esempio pratico: l’azienda “pinco pallino s.r.l.” che produce vino potrebbe optare per il dominio www.pincopallino.it ma sui motori di ricerca un dominio del tipo www.vinipincopallino.it o www.vinopincopallino.it permetterebbe al sito di avere un maggior peso nelle ricerche per le parole “vino” e “vini“, che in sostanza è lo scopo principale.

Bisogna sempre avere un Piano B

Hai finalmente deciso il nome del tuo dominio e pieno di entusiasmo sei andati ad acquistarlo ma… tragedia, il nome scelto è già stato preso!

Ti assicuro che ciò accade 9 volte su 10 in parte perché il numero di siti sulla rete aumenta ogni giorno in maniera esponenziale e in parte per colpa di quei personaggi che comprano domini non per realizzare dei siti web ma con la speranza di rivenderli per guadagnarci qualche spicciolo.

In questo caso allora ti consiglio di avere un Piano B e trovare una variante del tuo nome di dominio: magari puoi usare dei trattini per separare le parole, cambiare l’estensione o invertire qualche parole (dove è possibile).

Bene, hai scelto il nome per il tuo sito web?
Qual è? Fammelo sapere nei commenti al post, ti aspetto!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>