verificare-qualita-sito-web

Come verificare la qualità di un sito web

2 Flares 2 Flares ×
FacebookTwitterGoogle+tumblrLinkedIn

Per verificare la bontà di un sito Web, in particolare quella delle tecnologie con cui è stato costruito, esistono diversi strumenti di analisi.

In questo post ti spiego quali sono quelli più utili e ti suggerisco di provarli almeno una volta dopo ogni modifica sostanziale.

Verifica la velocità

Pagespeed è il servizio di Google che misura le prestazioni di un sito.

Oltre ad indicare, in una scala da i a 100, il livello di performance raggiunto nella visualizzazione per desktop e per dispositivi mobile, il servizio suggerisce anche i principali errori rilevati e fornisce utili consigli per correggerli o mitigarli.

Un servizio equivalente, ma molto più analitico è WebPagetest.

Accessibile a tutti

Browsershots permette di verificare la rappresentazione del sito su più browser per verificare che venga visualizzato allo stesso modo anche su software e piattaforme diverse.
È completamente gratuito ma ha funzionalità limitate.

Se desideri qualcosa di più professionale e solido puoi provare BrowserStack.
Questo servizio potrebbe risultare costoso ma ha un gran numero di ottime funzionalità tra cui la possibilità di simulare azioni degli utenti per verificare che anche le interazioni (e non solo
la visualizzazione) non presentino problemi.

Occhio al SEO

Moz Open Site Explorer esegue un’analisi delle caratteristiche SEO del sito al fine di valutarne la visibilità nei motori di ricerca.

Verifica inoltre l’autorevolezza del sito e il numero di link in ingresso, mentre la versione a pagamento aggiunge l’analisi dei social network.

Google Webmaster Tools è lo strumento gratuito di Google per l’analisi della visibilità di un sito all’interno del database del motore di ricerca.

Con questo tool potrai rilevare eventuali errori dei server e/o penalizzazioni, scoprire quali sono le pagine con problemi di sicurezza e ricevere suggerimenti per migliorare le performance del tuo sito.

Strumenti W3C

Il Consorzio WWW (o W3C) mette a disposizione alcuni servizi in grado di valutare diversi aspetti del sito: rispondenza del codice agli standard del Web (http://validator.w3.org), presenza di link errati (http://validator.w3.org/checklink), fogli di stile (http://jigsaw.w3.org/css­-validator) e così via.

Per eseguire i controlli da un’unica interfaccia si può usare il servizio Unicorn.

Bene, spero che questi strumenti possano aiutarti a migliorare la bontà e la qualità del tuo sito, fammi sapere se li hai trovati utili.
Per i più esperti l’invito è quello di suggerire qualche ulteriore tool che potrebbe fare al caso nostro…vi aspetto!

FacebookTwitterGoogle+tumblrLinkedIn

2 thoughts on “Come verificare la qualità di un sito web

  1. Giovanni scrive:

    scurivi sempre dei post interessantissimi…bravo!

  2. Luis scrive:

    Spesso chi cerca qualcuno per la creazione del proprio sito web ottiene risultati pessimi. Segnalo un articolo, magari è utile ai lettori, che parla sul come verificare la qualità dei lavori svolti da freelance o agenzie. Realizzazione Sito Web: Verifica La Qualità Dei Lavori Esposti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Pin It Share 0 LinkedIn 2 2 Flares ×