big_data

Vuoi un lavoro per il futuro? Diventa un Big Data Strategist

6 Flares 6 Flares ×
FacebookTwitterGoogle+tumblrLinkedIn

Ecco uno dei profili più ricercati nei prossimi anni: il Big Data Strategist.

Non c’è dubbio che uno dei settori che hanno meglio resistito alla crisi economica è stato quello relativo alla tecnologia.
In effetti, l’elettronica di consumo negli ultimi anni non ha conosciuto dei ribassi in termini di vendite, basti pensare al record ottenuto da Apple con l’uscita dell’ultimo iPhone 6.

Vi è un particolare un campo, però, in cui la crescita addirittura sembra essere esponenziale e abbraccia tutto ciò che ha a che fare con l’elaborazione, la gestione e l’analisi dei dati.

La crescita complessiva del settore industriale della tecnologia spinge inevitabilmente a produrre una quantità di dati mai vista prima.
I dispositivi mobili generano tonnellate di informazioni costantemente e a queste vanno ad aggiungersi quelle prodotte da internet e da altri apparecchi tecnologici che sfruttano la rete.

Ogni giorno due miliardi e mezzo di persone si connettono alla rete producendo una mole di dati pari a 2,5 quintalioni (ti assicuro che esiste questo termine) di byte.
Forse non te ne rendi neppure conto ma si possono immagazzinare dati in diversi modi: postando uno status su un social network, pubblicando un post sul proprio blog oppure effettuando un acquisto online.

Bene, proprio a causa della crescita repentina di questi dati, il termina Big Data si è diffuso velocemente, anche se non tutti sanno bene cosa significhi.

In sostanza possiamo dire che non è altro che la raccolta di tutte le informazioni prodotte sulla rete e classificare in grandissimi data set (insiemi di dati su un relativo argomento).

Sull’estrazione e l’analisi di questi dati, si gioca già oggi la competizione tra i vari colossi industriali perché essi permettono di ottenere informazioni straordinarie che rispondo con maggiore efficacia alle esigenze del mercato.

I Big Data sono quindi uno dei trend tecnologici di maggiore interesse sia sotto il profilo business, che sotto il profilo sociale.
Infatti la quantità di dati, la loro velocità, la loro accessibilità non può che continuare a crescere e sarà sempre più necessario organizzarli e interpretarli se vogliamo che essi ci dicano qualcosa.

Ecco allora che entra in scena il Big Data Strategist, definita anche come la professione più sexy del XXI secolo sulla Harvard Business Review.
Questa nuova e inquietante figura è emersa di recente ma sembra già avere pochissimi rivali nella top list dei lavori sui quali un giovane di oggi può puntare.

Perciò, caro lettore sveglia!!!

big-data-strategy

Le aziende ti cercano disperatamente perché una mole così impressionante di dati spaventa anche il più temerario degli analisti.

Il Big Data Strategist, però, non deve temerle: lui è un vero e proprio scienziato del dato.
Lo studia, lo comprende, possiede un mix equilibrato di competenze diverse.

Statistica, marketing e informatica si fondono creando una nuova “creatura mitologica” coerente con quello che richiedono le aziende oggi e che sia capace di trattare i dati come un oracolo in grado di dare risposte a qualsiasi esigenza!

Cosa serve per diventare un Big Data Strategist

Non vi è alcuna formazione professionale definita che ti possa aiutare ad acquisire le nozioni necessarie per diventare un Big Data Strategist.

Per il momento le idee sembrano essere un po’ confuse e nel campo dei big dati si incontrano matematici, informatici, analisti ma anche biologi e prefino astrofisici.

Sicuramente il candidato ideale deve avere anche alcune caratteristiche che lo rendono adatto per questo lavoro: creatività, curiosità, perspicacia e attenzione ai dettagli sono le qualità più richieste.

Per quanto riguarda la formazione accademica, alcune aziende come IBM, offrono programmi di insegnamento negli Stati Uniti.
Una delle aziende leader nel settore è Cloudera che offre alcuni corsi di formazione in questo campo specifico.

A poco a poco le università iniziano ad offrire corsi e piani di studi preparati ad hoc.

Inoltre volevo segnalarti il sito di BIG DIVE volto alla formazione di questa nuova figura professionale.

“Per sua stessa definizione BIG DIVE è un programma di formazione volto a promuovere una nuova generazione di sviluppatori.
Una palestra in cui i set di dati di alto valore sono la materia prima nelle mani di un gruppo di geek intelligenti ed ambiziosi.”

Allora, sei pronto per diventare il nuovo eroe del web?

FacebookTwitterGoogle+tumblrLinkedIn

3 thoughts on “Vuoi un lavoro per il futuro? Diventa un Big Data Strategist

  1. Giovanni scrive:

    interessante

  2. Peppe scrive:

    Ico,
    gran bell’articolo.

    Ultimamente una buzzword è smart.
    Gli Smart Data stanno sostituendo i big data, in quanto big è solo grande appunto, ma smart è inteso come parlante e davvero utile nelle scelte strategiche aziendali.

    un saluto

    1. icoarena scrive:

      Grazie per l’appunto Peppe, è sempre un piacere ricevere le tue dritte!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

6 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Pin It Share 0 LinkedIn 6 6 Flares ×